I formaggi in gravidanza? Sì, grazie!


mozzarella gravidanza

Le donne in gravidanza, si sa, devono seguire una dieta attenta e salubre, e forse non tutti sanno che anche i formaggi sono parte integrante di questa dieta.

Il latte è molto importante in gravidanza, per il suo contenuto proteico, di sali minerali (magnesio, calcio e fosforo) e vitamine (A, B e D). Collabora alla buona formazione delle ossa del bambino. Bisogna fare sempre attenzione a non consumare però latte non pastorizzato o formaggi a base di latte non pastorizzato. L’ideale sarebbe consumare circa 5 bicchieri di latte al giorno, che però possono essere sostituiti con yogurt e formaggi. Si può quindi bere una tazza di latte la mattina, e durante il pomeriggio e a cena circa 100 gr di formaggio, preferendo quelli poco stagionati e con poco sale. Ideali, ad esempio, sono la scamorza e il parmigiano, che possono essere consumati in modo gustoso in una insalatina con rucola e limone, per assumere così anche il prezioso ferro contenuto nella rucola.
Ma anche il più tipico dei latticini campani, la mozzarella, si conferma oggi parte integrante della dieta di tipo mediterraneo, dove cultura, tradizione e sapiente lavoro artigianale si fondono in un mix di sapori autentici e ineguagliabili. Facilmente digeribile, con un ridotto contenuto di zuccheri, colesterolo e lattosio, la mozzarella di bufala campana è anche un’ottima fonte di proteine a elevato valore biologico e, a differenza di altre tipologie di formaggio, si caratterizza per un basso contenuto di acidi grassi saturi presentando un ottimo bilanciamento delle varie frazioni lipidiche, con un apporto di apprezzabili quantità di acidi grassi insaturi.
La ricchezza di contenuto in vitamine del gruppo B la rende particolarmente indicata in gravidanza, così come in condizioni di stress ossidativo come l’iperomocisteinemia.

gravidanza

'